IL SINDACO GRILLINO DI NETTUNO SFIDUCIATO, FINE DELLA GIUNTA 5 STELLE

Chiusa l’esperienza dell’amministrazione 5 Stelle a Nettuno. La più breve di sempre. Il Sindaco Angelo Casto è stato sfiduciato da 13 consiglieri comunali.

A firmare per mandare a casa il Primo cittadino sono stati quattro esponenti del Movimento 5 stelle, da tempo in polemica aperta con il Sindaco che non si è fatto garante del rispetto dei Principi del Movimento, e nove esponenti dell’opposizione.
Il documento con la sfiducia a Casto è stato siglato da Daniela De Luca, Giuseppe Nigro, Simonetta Petroni e Marco Montani per il gruppo consiliare grillinoe da Claudio Dell’Uomo, Carlo Eufemi, Maria Antonietta Caponi, Enrica Vaccari, Fabrizio Tomei, Genesio D’Angeli, Rodolfo Turano, Giacomo Menghini e Lorenza Alessandriniper l’opposizione.
Questa mattina i consiglieri si sono recati dal Notaio per firmare il documento di sfiducia, quindi è stato il Notaio a recarsi in Comune a protocollare il documento nell’apposito ufficio. A breve il documento verrà consegnato al Segretario comunale che dovrà trasmettere gli atti alla Prefettura. Entro 48 ore il Prefetto, di norma, nomina il Commissario prefettizio che avrà il compito di traghettare il Comune fino alle prossime elezioni.
“Dopo mesi di conflitti, tensioni e divisioni, tutte interne al Movimento 5 Stelle” scrivono in consiglieri in una nota “l’esasperazione per l’arroganza, la prepotenza ed il disinteresse del Sindaco e dei suoi fedeli scudieri portano gli stessi Consiglieri di maggioranza, con grande senso di responsabilità, a staccare la spina all’Amministrazione Comunale più litigiosa e inconcludente mai vista. L’opposizione ha sempre sostenuto a viso aperto le battaglie per difendere gli stessi interessi e i bisogni dei cittadini e, pur nel rispetto delle pulsioni interne al Movimento al governo di Nettuno, ha fatto emergere le contraddizioni e gli errori di una azione amministrativa balbettante e ormai pericolosa per Nettuno”.
Fonte: Il Caffè